"....una splendida giornata..."

"....una splendida giornataaaa" cantava il mitico Vasco Rossi 34 anni fa, qualcuno di noi non era ancora nato, qualcuno metteva gli sci ai piedi per la prima volta e altri nel pieno della giovinezza si godevano le sfide tra Mahre e Stenmark tra le nevi del circo bianco; ma dopo anni di tormentoni e dopo questo favoloso sabato passato insieme rimane l'unico ritornello che rinchiude le emozioni e che risuona in testa (beh si, a parte"...amami amamiiii" di Mina e Celentano, quello non me lo tolgo dalla testa per tutto l' inverno)

Sveglia ore 5:30 partenza ore 6:00, inizia così il nostro sabato senza scarponi ma armati di tifo, campanacci e trombe da stadio; tempo di parcheggiare, caffettino, brioche e raggiungiamo l' area dedicata al fanclub, non rimane che fissare gli striscioni, testare le trombe e aspettare la partenza.

La errrre moscia dello speaker ci tiene compagnia (fin troppa), la Peroni gelata c'è, il tifo indiavolato e il rutto libero anche; manca la frittatona di cipolle e non avremmo niente da invidiare al ragionier Fantozzi davanti a Italia - Inghilterra.

L' attesa sale, l'emozione anche, un' occhiata veloce alla start list e si parte. Con il pettorale numero 1 la Rebensburg a seguire una Loseth sfortunata, e dopo pochi minuti arriva finalmente il momento della prima italiana: la Brignone, dal parterre il forte boato è ben presto sostituito da un alone di rammarico e delusione, capita a tutte, anche alle più forti.....dajeee Fede!!

Via via passano i pettorali, la gara si fa accattivante, in 12 centesimi 5 atlete tra cui la "nostra" Sofia Goggia.

Dai megaschermi finalmente vediamo il numero 14 illuminarsi, è arrivato il suo momento (anche un pò nostro) Marta tocca a te, il tifo è quello delle grandi occasioni, nel frattempo anche il sole ha deciso di entrare in azione sulla Kandahar, occhi fissi sul cronometro nell' attesa che arrivi sul muro, i secondi passano, il primo intermedio è davanti, un errore poco dopo la porta dietro di qualche decimo ma Marta non molla e arriva in fondo al settimo posto, chiuderà la manche con l' ottavo tempo. Va bene così!! Siamo lì...a un passo

Non ci resta che far riposare la voce e le trombe, fare una pausa "idraulica", un pò di rifornimento, ammirare la "fauna" locale e attendere la seconda manche. Giusto il tempo di finire il prosecco e mettere sotto i denti del cibo che è già ora di posizionarsi contro le reti, due foto alla cornice di Sestriere e si parte con il secondo round, prima a partire la Curtoni, il modo migliore per scaldare la voce e riavviare le trombe.

L' attesa per Marta inizia a farsi snervante, ci vuole una grande manche, e noi ci crediamo; ci siamo quasi, tempo di ammirare la "remuntada" della classe '98 Melanie Meillard.

Eccoci, dal cancellato si avvicina il pettorale n° 14, il rumore si fa assordante, un occhio alle pista e uno al cronometro....si parte

Tutti a fissare il megaschermo, attendiamo l'arrivo del primo intermedio, colore verde e i centesimi di vantaggio sono ancora 25, scendono a 12 nel secondo check point ma Marta non molla, rosicchia qualcosa nel terzo ma è ora che deve dare tutto, battiti a mille e dita incrociate, compare il tempo della Brunner e non ci rimane che fissare i secondi, i centesimi (fermate sto cronometro!!!)...passa il traguardo...i centesimi di vantaggio sono 40!!! Mani al cielo per Marta e sorrisi, abbracci e grida dagli spalti, che SPETTACOLO!!

Non è ancora finita, ne mancano 7, scende la Drev, va dietro, tocca alla Wild idem, solo una super Goggia, la Worley, la Gut e la Weirather le stan davanti; il risultato finale dirà 5° posto, cosa chiedere di più?......nulla....

E' tempo di saluti, foto di gruppo, qualche brindisi (qualcuno di troppo....Et glou, et glou , et glou) e saliamo sui pullman, stanchi ma felici e orgogliosi di te....grazie di cuore Marta, per averci fatto emozionare e fatto passare .....UNA SPLENDIDA GIORNATA!!!

FORZA BAX!!!


SciClub Valvermenagna - Limone Pt. (Cuneo) | P.Iva: 02354340040